Categoria: News

Il fenomeno migratorio rappresenta per il sistema sanitario una sfida sempre aperta, non solo in termini di quantificazione e analisi dei bisogni, ma soprattutto nell’ottica di un’adeguata organizzazione dei servizi. Nella fase storica attuale, infatti, la principale esigenza è quella di superare la parcellizzazione e l’estemporaneità delle soluzioni adottate nei diversi contesti regionali e locali, per approdare a pratiche di sanità pubblica e a modalità assistenziali basate sulle migliori evidenze scientifiche e improntate all’appropriatezza, all’efficienza e all’equità. A tale riguardo, elenchiamo di seguito alcune iniziative istituzionali che hanno contraddistinto il 2017 (ma anche il 2016) che oltre ad avere un valore in sé dal punto di vista politico e programmatorio, assumono anche un significato altamente simbolico, nell’ottica di un definitivo passaggio da una gestione improntata all’emergenza a una guidata dalla pianificazione e dalla capacità di governance. La cornice rimane comunque l’Accordo del 20 dicembre 2012 tra il Governo, le Regioni e le Province Autonome sulle “Indicazioni per la corretta applicazione della normativa per l’assistenza sanitaria alla popolazione straniera da parte delle Regioni e P.A.” (Rep. Atti n. 255/CSR), ancora non adeguatamente applicato, che ha fornito il giusto scenario di riferimento normativo anche per gli atti che citiamo. 

Commenti (0) Visualizzazioni:: 2513

Categorie: Formazione News

 

Società Italiana di Medicina delle Migrazioni: Piano formativo ECM 2019

 

Titolo evento

In collaborazione con

Luogo

Data

1

Presa in carico del disagio psichico e della vulnerabilità dei richiedenti asilo: trasferire le competenze al sistema di prevenzione e cura

GEA Cooperativa sociale

Vicenza

20 gennaio- 23 febbraio 2019

2

Crossing Dialogues

Roma

13- 20- 27 febbraio 2019

3

FOrmazione OperaTori di sanità pubblica per la definizione di Piani RegIonali di coordinameNTo per la Salute dei migranti e la realizzazione di comunità di pratica: capacity building e strumenti di progettazione

Min. della Salute

ACPPCCLM

Roma

Milano

Palermo

14-15febbraio 2019

21-22 febbraio

28-1 marzo 2019

4

TRAIN4M&H: Provision of training for first-line health professionals and law enforcement officers working at local level with migrants and refugees and training of trainers

Oim Italia

Reggio Calabria, Genova,

Napoli

22 febbraio

5 marzo 2019

12 marzo 2019

5

I principi della Salute Globale, determinanti sociali e disuguaglianze

Fondazione Idente

Roma

1-5 aprile 2019

6

Accogliere e curare; curare è accogliere

GrIS Marche nord

Fermo/

Macerata

15 giugno, 23 novembre 2019

7

FARO: intervento di pronta identificazione delle vulnerabilità psicosociali dei minori stranieri dallo sbarco alla prima accoglienza e rafforzamento del sistema di accoglienza nelle province di Catania, Messina, Palermo, Ragusa, Siracusa”

Policlinico Palermo

Palermo

18 e 19 luglio /settembre 2019

8

La salute dei richiedenti asilo e rifugiati: tutele e aree critiche

Fondazione Idente

Roma

16-20 settembre 2019

9

FOrmazione OperaTori di sanità pubblica per la definizione di Piani RegIonali di coordinameNTo per la Salute dei migranti e la realizzazione di comunità di pratica:

Min. della Salute

ACPPCCLM

Palermo,

Milano,

Roma

12- 13settembre 2019

19- 20 settembre 2019

26 -27 settembre 2019

10

“La tratta, conoscere il fenomeno per accogliere le donne”

Gris Trento

Trento

28 settembre 2019

11

Universo migrante. Dalla parte di chi è accolto e di chi accoglie

GrIS Marche sud

Senigallia

20-21 ottobre 2019

12

Psicopatologia transculturale e sofferenza post-traumatica.

Applicazione delle linee guida per vittime di violenza intenzionale e analisi dei bisogni di salute mentale in richiedenti asilo e rifugiati politici di Roma

Crossing Dialogues

Roma

settembre-ottobre 2019

13

XXVIII EDIZIONE CORSO BASE DI MEDICINA DELLE MIGRAZIONI 

Caritas Roma

Roma

III settimana di ottobre

14

Politiche di accoglienza ed interventi legislativi

GrIS Lombardia

Milano

autunno 2019

15

Minori stranieri… futuri cittadini: dall’accoglienza all’inclusione

GrIS FVG

Udine

dicembre 2019

16

Il diritto alla salute dei migranti: stato dell’arte e prospettive

OIM

Roma

novembre 2019

17

Spirnet: Salute dei Richiedenti e titolari di Protezione Internazionale attraverso il lavoro di Rete

GEA

Cooperativa Sociale

Veneto

novembre/dicembre 2019

18

FACE: Farsi Comunità Educante

Amref Health Africa

Teramo/Napoli/Palermo/Reggio Emilia

novembre/dicembre 2019

 

Categoria: News

 

Sandro Spinsanti è uno dei più noti esperti italiani di bioetica, materia che ha insegnato a lungo e tuttora insegna nelle università e nei numerosi corsi di formazione che tiene in ospedali e aziende sanitarie in tutto il paese. La sua competenza e il suo prestigio l’hanno portato a essere membro del Comitato Nazionale per la Bioetica e di numerosi comitati etici per la ricerca; è un caro amico della SIMM fin dai primi tempi, e ha generosamente offerto la sua consulenza anche nella redazione del nostro codice etico.
Questo suo recente libro conclude idealmente una trilogia dedicata alla relazione di cura, i cui precedenti volumi sono stati dedicati alla medicina narrativa (La medicina vestita di narrazione) e al tema del fine vita, cui Spinsanti ha dedicato una parte rilevante della sua attività di ricercatore, di autore e di formatore (Morire in braccio alle Grazie).

“La Medicina Salvata dalla Conversazione” è dedicato al valore della conversazione nella relazione di cura, un tema che incarna a mio parere uno dei grandi paradossi dell’arte medica contemporanea. La medicina conosce infatti molto bene la potenza della relazione nell’influenzare gli esiti delle terapie, tanto è vero che i farmaci possono essere immessi in commercio sono dopo essere passati attraverso rigorose prove di efficacia tra i cui requisiti vi è la metodica a “doppio cieco”: non solo infatti il paziente non deve sapere se prende il farmaco da testare o il placebo (o un farmaco noto di riferimento), ma non deve saperlo neppure il medico o l’infermiere che lo somministra, perché questa semplice conoscenza potrebbe interferire anche di molto sui risultati.
Il paradosso è che mentre questa rilevanza della relazione sulla cura è ben conosciuta, la medicina sembra in buona parte rinunciare a sfruttarla, non cogliendone le numerose opportunità.

Leggi Tutto Commenti (0) Visualizzazioni:: 324

Hai trovato errori o refusi ti invitiamo a segnalarli al seguente link