Categoria: News

 

La SIMM ha voluto esprimere il proprio sostegno e solidarietà a Medici Senza Frontiere riguardo alle recenti irregolarità che sono state contestate all'Organizzazione circa un sospetto traffico illecito di rifiuti.

La lettera inviata dal Presidente SIMM conferma un pieno riconoscimento delll'importante e consolidato impegno civile che MSF ha dimostrato nel tempo sul fronte della tutela della salute dei migranti.

Pur nella doverosa attesa del compimento dell’iter giudiziario e nella piena fiducia nella magistratura giudicante, la SIMM esprime preoccupazione per il clima di discredito delle organizzazioni umanitarie impegnate a salvare vite umane nel soccorso in mare, che traspare da queste e precedenti vicende che le hanno viste al centro di attacchi pretestuosi. Ribasisce inoltre con fermezza l’inconsistenza del rischio di trasmissione di patologie infettive attraverso indumenti ed avanzi di cibo.

In allegato la lettera integrale.

 

Commenti (0) Visualizzazioni:: 137

Categorie: News Eventi in collaborazione

 

Sono aperte le iscrizioni alla settima edizione Master in Salute Globale delle Migrazioni. Organizzato da enti con specifica esperienza e con il patrocinio scientifico della Società Italiana di Medicina delle Migrazioni, è il primo Master realizzato in Italia sul tema degli aspetti medici e sociosanitari dell’assistenza agli immigrati e a coloro che soffrono di traumi sociali.

Secondo un approccio di Salute Globale, fondato sul paradigma dei determinati sociali di salute, saranno analizzate le diseguaglianze che attraversano le nostre società e proposti strumenti operativi di contrasto. Quest’anno ci si focalizzerà in particolare sulle tematiche relative all’assistenza ai migranti, richiedenti asilo e rifugiati.

Come Executive Master si vuole realizzare un insegnamento che dia strumenti pratici e utili a livello professionale. Ciò significa che l’intenzione è di privilegiare l’acquisizione di capacità che rendano possibile una sistematizzazione delle proprie conoscenze, l’allargamento dei propri orizzonti e una ricaduta operativa nel proprio lavoro. Sarà data importanza all’incontro con testimoni privilegiati impegnati nel settore e al confronto e scambio tra diverse realtà per condividere sollecitazioni e approfondimenti legati all’esperienza di ciascuno.

Il Master è rivolto a medici, infermieri e altre professioni sanitarie, ad assistenti sociali, mediatori e altri operatori socio-assistenziali e a tutti coloro che sono impegnati nelle professioni di aiuto. Possono essere strutturati piani di studio individuali per le altre professionalità  (ad esempio: giurisprudenza, politiche internazionali, lettere, scienze politiche, …).

Il Corso ha durata annuale ed è diviso in 4 moduli, ciascuno di una settimana intensiva (tre a Roma e una a Bologna) che comportano complessivamente 150 ore di frequenza con lezioni frontali, didattica interattiva e visite guidate in strutture impegnate sui temi. Ai corsisti verranno fornite pubblicazioni, articoli e indicazioni bibliografiche che serviranno anche per la produzione di un elaborato finale originale, necessario per l’acquisizione del titolo. Alcune settimane saranno accreditate ECM.

Il Master si propone di fornire strumenti conoscitivi, strumenti metodologici, competenza relazionale e competenza tecnico-scientifica a operatori che nel campo della salute e della promozione sociosanitaria sono interessati e/o impegnati nel settore delle migrazioni.

Per iscriversi è necessario compilare lo specifico modulo scaricabile dagli indirizzi https://www.mastermemp.org o www.caritasroma.it o da richiedere alla segreteria del Master e comunque qui allegato. Il modulo d’iscrizione compilato in ogni sua parte, insieme al proprio curriculum, deve essere inviato dal 1 novembre 2018 al 20 dicembre 2018, all’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Calendario delle lezioni

1° settimana: Roma, 4 - 8 febbraio 2019

“La salute degli immigrati: tutele e aree critiche”

2° settimana: Roma, 1 – 5 aprile 2019

“I principi della Salute Globale, determinanti sociali e disuguaglianze”

Focus: la salute dei rom, sinti e caminanti

3° settimana: Bologna, 3 - 7 giugno 2019

“Politica, Antropologia e Scienze Umane per la salute”

Focus: etica e solidarietà

4° settimana: Roma, 16-20 settembre 2019

“La salute dei richiedenti asilo e rifugiati: tutele e aree critiche”

Focus: le ferite invisibili

Commenti (0) Visualizzazioni:: 271

Categorie: News Advocacy

 

Lettera delle organizzazioni medico-umanitarie al Parlamento:
“Correggere decreto per garantire il diritto alla salute”


25 ottobre 2018 - Il Decreto “Immigrazione e Sicurezza” comporta serie implicazioni per il diritto alla salute delle persone migranti, richiedenti asilo e rifugiate sul territorio italiano, sia rispetto alla possibilità di accedere pienamente al Servizio Sanitario Nazionale, sia rispetto alle condizioni sociali che concorrono a determinare la salute fisica e mentale delle persone. È quanto denunciano le principali organizzazioni medico-umanitarie ¬italiane impegnate sui temi delle migrazioni e dell’asilo, in una lettera inviata oggi ai Presidenti dei Gruppi Parlamentari di Camera e Senato, in vista della discussione del Decreto che si svolgerà nei prossimi giorni.

La prima preoccupazione riguarda l’abrogazione del permesso di soggiorno per motivi umanitari, che porterà un maggiore tasso di irregolarità e una conseguente maggiore vulnerabilità in termini di salute. Inoltre, sebbene siano previsti permessi per gravi motivi di salute, non è chiaro con quali criteri verranno assegnati, mentre la loro minore durata e non convertibilità in permessi di lavoro limiterà la possibilità di accedere all’assistenza sociale e ai percorsi di integrazione.

Altrettanto preoccupante è la riforma del sistema di accoglienza Sprar, considerato un modello virtuoso in tutta Europa, che sarà destinato esclusivamente alle persone titolari di protezione internazionale e dei nuovi permessi di soggiorno per casi speciali, nonché ai minori stranieri non accompagnati. In questo modo le persone richiedenti asilo resteranno escluse dai percorsi di formazione e integrazione previsti dagli Sprar e saranno costrette a lunghe permanenze nei Centri di Accoglienza Straordinaria (CAS), con ripercussioni anche gravi in termini di salute fisica e psichica. Questa situazione coinvolgerà anche persone vulnerabili come anziani, donne incinte, persone affette da disabilità, genitori soli con figli minori, tortura o violenze, che verranno inserite in centri che non prevedono misure adeguate alle loro specifiche vulnerabilità.

“La tutela della salute si realizza attraverso un pieno accesso ai servizi sanitari, ma anche attraverso la tutela di condizioni sociali come casa, reddito, istruzione, ambiente di vita e di lavoro, che determinano la salute fisica e mentale delle persone. Tanto più quando si tratta di persone sopravvissute a traumi estremi e abusi gravissimi nel Paese di origine e lungo la rotta migratoria. Il decreto mina seriamente tutto questo” dichiarano le organizzazioni firmatarie della lettera.

A completare il quadro, continua la lettera, l’allungamento dei tempi di trattenimento negli hotspot e nei Centri di Permanenza e Rimpatrio (ex CIE), per cui persone che non hanno commesso alcun reato potranno esser sottoposte a periodi di detenzione fino a 7 mesi, al termine dei quali il loro futuro resterà comunque incerto; la mancata iscrizione all’anagrafe dei residenti che, nonostante le rassicurazioni, rappresenta di fatto un ostacolo per l’iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale; il divieto di ingresso in alcune aree delle città (il cosiddetto Daspo urbano) che, quando applicato ai presidi ospedalieri, ostacola l’accesso alle cure, limitando i diritti costituzionali e violando il codice di deontologia medica.

La lettera è stata sottoscritta da Centro Astalli, Emergency, INTERSOS, Società Italiana di Medicina delle Migrazioni, Medici contro la Tortura, Médecins du Monde, Medici per i Diritti Umani, Medici Senza Frontiere e inviata ai Presidenti dei Gruppi Parlamentari di Camera dei Deputati e Senato della Repubblica e per conoscenza ai Presidenti di Camera dei Deputati e Senato e ai Ministri dell’Interno e della Salute. Molte delle criticità indicate sono già state sottoposte all’attenzione del Parlamento, in sede di audizione alla Commissione Affari Costituzionali del Senato, e sono ora incorporate in proposte di emendamento avanzate da alcuni parlamentari. In caso di mancato emendamento nella direzione auspicata, le organizzazioni firmatarie esprimono la loro ferma opposizione alla conversione in legge del Decreto.

Il testo integrale della lettera in allegato.

Commenti (0) Visualizzazioni:: 3649

Hai trovato errori o refusi ti invitiamo a segnalarli al seguente link