GrIS Lazio

La storia del Gruppo Immigrazione e salute della regione Lazio (GrIS Lazio), nasce da lontano, da quando in Italia e a Roma in particolare, la presenza degli immigrati diviene visibile ma dal punto di vista normativo si è ancora scoperti nella tutela dei diritti ed in particolare di quelli sanitari (era il 1995). Abbiamo scelto di raccontare la storia del GrIS Lazio in tre tappe che sono le tappe anche del fenomeno immigratorio in Italia.

  1. La fase dell’esclusione
  2. La fase del mandato istituzionale
  3. La fase dell’accesso

Quali possono essere oggi i nuovi obiettivi condivisi?

  • Il GrIS – Lazio deve essere un luogo di riflessione teorica:
    • sull’evoluzione dei sistemi sanitari nell’economia globalizzata;
    • sul principio di sussidiarietà e sui modelli di welfare;
    • sulla domanda di salute di nuovi “attori”: richiedenti asilo, rifugiati, vittime di tortura, vittime della tratta, ...
  • Il GrIS – Lazio deve essere un luogo d’incontro con i nuovi attori dell’azione sociale.
  • Il GrIS – Lazio deve essere un laboratorio di “modelli assistenziali innovativi”.
  • L’incontro e il confronto tra “pubblico” e “privato sociale” permette la condivisione di un patrimonio comune di “buone pratiche”, lo sviluppo di percorsi comuni di riflessione sulle aree critiche della salute dei migranti e di elaborazione di progetti di cooperazione.
  • Il GrIS – Lazio deve essere un nodo di una rete nazionale.

Oltre 20 anni fa abbiamo fatto una scommessa: lavorare insieme “pubblico” e “privato sociale”. La sfida futura sarà quella di elaborare nuove strategie per sviluppare le reti locali sociosanitarie per garantire a tutti una "salute senza esclusioni".

Scarica l'articolo completo sulla storia del GrIS Lazio

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Anno costituzione: 1995

Referente 2017-2020: Chiara Simonelli
Gruppo di lavoro: Paola Capparucci, Anita Carriero, Salvatore Geraci, Filippo Gnolfo, Doriana Leotta.
Gruppi tematici: GrIS rom e sinti; GrIS richiedenti e rifugiati; GrIS sanità pubblica; GrIS salute orale
Contatti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Regolamento GrIS Lazio

Normativa della Regione Lazio per l'assistenza agli stranieri

Pubblicazioni a cura del GrIS Lazio

Link alla pagina GrIS Lazio vecchio sito 

 

2015 - nota 659133 del 30.11.15. Giubileo straordinario della misericordia anni 2015/16: indicazioni operative per la gestione degli aspetti amministrativi per le prestazioni sanitarie erogate ai pellegrini.

2015 - nota 527930 del 5.10.15. Attuazione di un piano di intervento socio sanitario rivolto agli immigrati stanziali presso gli insediamenti abusivi ed edifici occupati delle Aziende USL RM/A, RM/B, RM/C, RM/D, RM/E. Richiesta di referenti aziendali.

Piano Stanziali presso insediamenti occupati

2015 - nota 435502 del 7.8.15. Iscrizione volontaria al SSR di stranieri non appartenenti alla UE e cittadini comunitari. Creazione di deroga temporanea per assegnazione del MMG.

2015 - nota 408495 del 28.7.15. Verifica dell'omogenea applicazione sul territorio regionale dell'Accordo 255/CSR 2012. Invio scheda di monitoraggio

2015 - Determinazione G09086 del 22.7.15. SAMIFO: individuazione quale struttura sanitaria a valenza regionale per l'assistenza sanitaria ai migranti forzati.

2014 - DCA U00366: modifica DCA U00158 (esenzioni ticket per minori non accompagnati e richiedenti protezione internazionale)

2014 - Scheda riassuntiva ripartizione Fondi CIPE - 2008 - 2012

2014 - nota n. 461873 del 11.8.14 Iscrizione al SSR di minori stranieri non appartenenti all'UE, figli di genitori STP

2014 - nota n. 461128 del 8.8.14 Assistenza sanitaria ai cittadini stranieri in transito sul territorio regionale a seguito di sbarchi sulle coste italiane

2014 - nota n. 415521 del 17.7.14 Assistenza sanitaria ai cittadini stranieri presenti in Regione a seguito sbarchi

Allegato 1 alla nota 415521 della Regione Lazio

Allegato 2 alla nota 415521 della Regione Lazio

2014 - nota numero 328086 del 9.6.14 “Disposizioni regionali in merito al rilascio codice ENI”

2014 - Bur 43 del 29/5/2014. DCA U00158: esenzioni ticket per minori non accompagnati e richiedenti protezione internazionale, ...

2013 - Bollettino Ufficiale della Regione Lazio Numero 106 del 27/12/2013 (pgg. 524:554) obiettivi "contrasto disuguaglianze"

2013 - Determinazione G01441 del 4 novembre 2013

2013 - Bollettino Ufficiale della Regione Lazio Numero 14 del 14/02/2013 (pgg. 184:189) Progetto contro disuguaglianze

2013 - Determinazione per la nomina Gruppo di lavoro regionale per la promozione e la tutela della salute degli immigrati

2013 - Rimborso trasporto dializzati non residenti

2013 - Ricepimento Accordo Stato Regioni

2013 - Iscrizione minori STP (solo con Codice Fiscale)

2013 - Iscrizione annuale SSR per richiedenti protezione internazionale

2012 - Iscrizioni madre comunitarie di cittadini italiani

2012 - Ripartizione fondi CIPE per assistenza STP

2011a - Lettera ai Direttori Generali - Ospedali

2011b - Determinazione Programma regionale formativo e finanziamento

2011c - Programma regionale e Indicazioni metodologiche

2010a - Lettera ai Direttori Generali - Aziende USL

2010b - Determinazione Programma regionale formativo e finanziamento

2010c - Programma regionale e Indicazioni metodologiche

2010 - Delibera Guida pratica assistenza cittandini non comunitari

2010 - Allegato Delibera Guida pratica

2010 - Iscrizione al SSR per stranieri con pds asilo politico o protezione sussidiaria rilasciato da questure non regionali

2010 - Iscrizione al SSR per stranieri con pds asilo politico o protezione sussidiaria

2010 - Chiarimenti assistenza comunitari

2010 - Chiarimenti sul codice ENI (Europeo non iscritto)

2010 - Ticket per STP. Nuove codifiche di esenzione

2010 - Chiarimento su iscrizione obbligatoria per studenti già minori in affido

2010 - Nota sull'iscrizione al SSR di coloro che sono in fase di regolarizzazione

2010 - Nota assistenza sanitaria Rumeni: certificato sostitutivo ed ENI

2009 - Nota assistenza sanitaria Belgi e Rumeni: certificato sostitutivo

2009 - Nota interventi preventivi, curativi e riabilitativi dipendenze STP e ENI

2009 - Nota "divieto di segnalazione"

2009 - Circolare assistenza sanitaria ultrasessantacinquenni

2008 - Precisazione ticket per STP

2008 - Nota assistenza sanitaria stranieri richiedenti protezione internazionale

2006 - Nota iscrizione SSR pds umanitario, asilo, richiesta asilo

2005 - Delibera 427/2005 per l'assistenza protesica agli STP

2005 - Modello allegato per l'assistenza protesica agli STP

2004 - Nota rinnovo iscrizione SSN stranieri attesa/rinnovo pds

2004 - Indicazioni mediazione linguistico culturale nelle strutture sanitarie

1999 - Circolare assistenza STP e esenzione ticket

21 dicembre 2010. La Regione Lazio vara un programma formativo sulla salute degli immigrati per tutte le ASL della regione.

Nell’ambito della riunione della Rete GrIS Lazio, è stato presentato un programma formativo regionale dedicato agli operatori socio sanitari sull’assistenza sanitaria ai cittadini stranieri. Attraverso tale Programma, “che prevede il coinvolgimento delle dodici Aziende USL del Lazio, la Regione Lazio intende promuovere una diffusa e capillare formazione di base rivolta agli operatori amministrativi, al personale medico, infermieristico ed ostetrico relativamente al tema della salute e dell’assistenza alla popolazione immigrata nei suoi compositi e articolati aspetti, con una analisi sotto il profilo socio-demografico, sanitario, relazionale e normativo-organizzativo, ivi compresa la problematica delle mutilazioni genitali femminili” (ambito specifico da cui proviene la linea di finanziamento che fa seguito a progetti formativi sovraterritoriali sulle mgf). “Al fine di dare piena attuazione al Programma regionale, ogni Azienda USL è tenuta a predisporre un progetto di formazione che rispetti i criteri e le modalità di attuazione dettagliatamente previsti in uno specifico documento” che tiene conto delle recenti indicazioni metodologiche relative alla formazione del personale sul tema della salute delle persone immigrate. Tutto ciò è coerente con l’auspicio del GrIS Lazio che da anni ha richiesto un progetto formativo su base territoriale per dare uniformità di approccio e conoscenza come prerequisito per garantire accessibilità ai servizi e processi di reale prevenzione sanitaria. Il programma, definito dall’Area programmazione dei servizi territoriali e dell’integrazione socio-sanitaria con il fattivo contributo tecnico del Gruppo regionale Immigrazione e salute, entrerà nella fase operativa dal 15 febbraio 2011, data termine per la presentazione dei progetti aziendali. Da parte della Regione e del Gruppo tecnico sarà curata una giornata di formazione dei formatori dell’ambito normativo, per garantire omogeneità di interpretazione e procedure condivise. (SG)

Lettera ai Direttori Generali

Determinazione Programma regionale formativo e finanziamento

Programma regionale e Indicazioni metodologiche

Con una Nota del Dipartimento Programmazione Economica e Sociale della Regione Lazio (prot. 152490 DB/08/15 dell'8 agosto 2012), viene esplicitato che tra i "soggetti aventi diritto all’iscrizione obbligatoria sono state ricomprese le cittadine comunitarie madri di minori italiani". Ciò colma una lacuna del Dlgs 30/07 e della nota del Ministero della Salute n. DG RUERI/II/I2712/I.3.b in cui si fa riferimento a madri comunitarie "a carico" di cittadini italiani escludendo di fatto un ambito di criticità importante come le madri di neonati e bambini italiani. Già in sede di Commissione salute della Conferenza delle Regioni è stato approvato il documento elaborato dal tavolo Tecnico Interregionale “Immigrati e Servizi Sanitari” dal titolo “Indicazioni per la corretta applicazione della normativa per l’assistenza sanitaria alla popolazione straniera da parte delle Regioni e Province autonome italiane” che conteneva tale interpretazione. Questo documento è in attesa di approvazione in Conferenza Stato Regioni.

Nota della Regione Lazio sulle madri comunitarie

Hai trovato errori o refusi ti invitiamo a segnalarli al seguente link