Categoria: News

Il prof. Salvatore Amato, come presidente dell'Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Palermo, esprime forte e legittima preoccupazione da parte medici e degli odontoiatri italiani riguardo agli emendamenti presentati da alcuni senatori in sede di esame del DDL 733 sull’immigrazione ed in particolare di quello volto ad abrogare il comma 5) dell’art.35 del DLgs 286/’98).
Il Presidente dell’Ordine palermitano si fa testimone dell'importanza che la norma fino ad ora praticata ha rappresentato come grande occasione di inclusione degli immigrati presenti nel territorio.
Palermo ha visto fiorire tantissime iniziative pubbliche che nell'interpretazione corretta della legge hanno consentito di curare anche in ottica transculturale tante persone altrimenti escluse con grave danno per la salute loro e nostra. L'Italia deve andare fiera di quanto fatto finora e non è possibile cancellare con un colpo di spugna i risultati con fatica raggiunti fin ad ora.
A nome dei medici di Palermo e provincia il Presidente condivide quanto fatto dalla SIMM ed è pronto ad intraprendere qualunque altra forma di iniziativa per il rispetto dei principi deontologici e di quelli di solidarietà, accoglienza e tutela della salute.

Comunicato Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri Palermo

Commenti (0) Visualizzazioni:: 6278

Categoria: News

Questo profilo è pubblicato in occasione del XXII Congresso "Aids e Sindromi Correlate" che si svolge a Palermo dal 6 e 7 novembre 2008 dal titolo " Infezione da HIV/AIDS: Nessuno è Lontano", dedicato prevalentemente al tema dell’immigrazione. Esso mira ad indagare abitudini e stili di vita della popolazione sieropositiva italiana e questa volta si è esplorato il profilo “Paziente Immigrato”.

E’ circa il 10% dei pazienti della coorte POSIT (n = 890) che è di altra nazionalità (n = 77), in particolare 12 pazienti con nazionalità CEE e 65 EXTRA CEE. Un po’ più giovani rispetto alla popolazione generale presa in esame, inaspettatamente non risultano particolari discrepanze con i dati relativi al totale della popolazione. Il paziente immigrato di POSIT è discretamente inserito nel contesto socio-economico italiano, per la maggior parte occupato (professione), un po’ più viaggiatore, come atteso, e con una instabilità psicologica un po’ più elevata, probabilmente ascrivibile al fatto che vive in un stato differente dal proprio. Si riconosce il limite dell’analisi su pochi pazienti presenti nel campione.

  • Scarica POSIT - PAZIENTE IMMIGRATO
  • www.nadironlus.org
Commenti (0) Visualizzazioni:: 6162

Categoria: News

Con una lettera al Presidente ed ai Componenti della Commissione 1.a Affari Costituzionali e Commissione 2.a Giustizia  del Senato della Repubblica, il Consiglio Nazionale dell’Ordine Assistenti Sociali, ha sostenuto le ragioni espresse dalla SIMM che inducono a richiedere di “Ritirare l’emendamento che modifica l’art.35 del Decreto Legislativo 286/98 Testo Unico per l’immigrazione”.
La Presidente Franca Dente, scrive come tale emendamento mina radicalmente uno dei principi cardine della politica sanitaria nel nostro paese nei confronti dei cittadini stranieri, ed il diritto fondamentale e universale alla salute, così come sancito dall'articolo 32 della Costituzione apprezzata a livello europeo. L’abrogazione del comma 5 e la modifica del comma 4 e 6 comporterà un cambiamento di rotta che produrrà un incremento della clandestinità, l’impraticabilità di forme di tutela sanitaria e di aiuto sociale, l’aumento di focolai di malattie trasmissibili con ripercussioni sulla salute collettiva e, in particolare per gli assistenti sociali, la riduzione della possibilità di contatto e di interventi mirati all’inclusione sociale.

  • Lettera Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali

Lettera Consiglio Regionale Ordine Assistenti Sociali del Lazio

Commenti (0) Visualizzazioni:: 6091

Ultime News

Hai trovato errori o refusi ti invitiamo a segnalarli al seguente link