Categoria: News

Questo profilo è pubblicato in occasione del XXII Congresso "Aids e Sindromi Correlate" che si svolge a Palermo dal 6 e 7 novembre 2008 dal titolo " Infezione da HIV/AIDS: Nessuno è Lontano", dedicato prevalentemente al tema dell’immigrazione. Esso mira ad indagare abitudini e stili di vita della popolazione sieropositiva italiana e questa volta si è esplorato il profilo “Paziente Immigrato”.

E’ circa il 10% dei pazienti della coorte POSIT (n = 890) che è di altra nazionalità (n = 77), in particolare 12 pazienti con nazionalità CEE e 65 EXTRA CEE. Un po’ più giovani rispetto alla popolazione generale presa in esame, inaspettatamente non risultano particolari discrepanze con i dati relativi al totale della popolazione. Il paziente immigrato di POSIT è discretamente inserito nel contesto socio-economico italiano, per la maggior parte occupato (professione), un po’ più viaggiatore, come atteso, e con una instabilità psicologica un po’ più elevata, probabilmente ascrivibile al fatto che vive in un stato differente dal proprio. Si riconosce il limite dell’analisi su pochi pazienti presenti nel campione.

  • Scarica POSIT - PAZIENTE IMMIGRATO
  • www.nadironlus.org
Commenti (0) Visualizzazioni:: 3111

Categoria: News

Con una lettera al Presidente ed ai Componenti della Commissione 1.a Affari Costituzionali e Commissione 2.a Giustizia  del Senato della Repubblica, il Consiglio Nazionale dell’Ordine Assistenti Sociali, ha sostenuto le ragioni espresse dalla SIMM che inducono a richiedere di “Ritirare l’emendamento che modifica l’art.35 del Decreto Legislativo 286/98 Testo Unico per l’immigrazione”.
La Presidente Franca Dente, scrive come tale emendamento mina radicalmente uno dei principi cardine della politica sanitaria nel nostro paese nei confronti dei cittadini stranieri, ed il diritto fondamentale e universale alla salute, così come sancito dall'articolo 32 della Costituzione apprezzata a livello europeo. L’abrogazione del comma 5 e la modifica del comma 4 e 6 comporterà un cambiamento di rotta che produrrà un incremento della clandestinità, l’impraticabilità di forme di tutela sanitaria e di aiuto sociale, l’aumento di focolai di malattie trasmissibili con ripercussioni sulla salute collettiva e, in particolare per gli assistenti sociali, la riduzione della possibilità di contatto e di interventi mirati all’inclusione sociale.

  • Lettera Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali

Lettera Consiglio Regionale Ordine Assistenti Sociali del Lazio

Commenti (0) Visualizzazioni:: 3027

Categoria: News

16.4. Dispensing with the duty of certain authorities (for example school authorities, doctors and medical authorities) to inform on the illegal status of migrants so as to avoid the situation where irregular migrants do not claim their rights through fear of identification as irregular migrants and fear of expulsion.”

Assembly debate on 27 June 2006 (18th Sitting) (see Doc. 10924, report of the Committee on Migration, Refugees and Population, rapporteur: Mr van Thijn). Text adopted by the Assembly on 27 June 2006 (18th Sitting).

  • Risoluzione dell’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa n.1509 del 2006
Commenti (0) Visualizzazioni:: 898

Ultime News

Hai trovato errori o refusi ti invitiamo a segnalarli al seguente link